Gentilissimo dott. Pira
le scrivo perchè ho un problema .
Sei mesi fà ho comprato delle scarpe all stars, converse, di colore bianco, ma a me non piaciono le scarpe di colore bianco, le ho comprate perchè mi piacciono quando si sporcano e diventano di un colore tra il bianco, il giallo, il marrone, il verde, il grigio, ecc., solo che quando le mie scarpe stanno per raggiungere questo colore, e relativo livello di sporcizia, mia madre pensa che siano da lavare e me le lava. in questo modo tornano ad essere bianche. io ho già provato a spiegarle queste mie preferenze riguardo ai colori, ma lei sembra non capirle.
Dottore lei ha qualche consiglio da darmi?

aspetto fiducioso sue nuove

saluti

Francesco F.

Francesco, Quanto è vero ciò che dici! Anche a me è capitato di comprare delle all star, su consiglio di una persona che le riteneva le migliori scarpe del mondo delle scarpe. Solo che dopo che le ho comprate non mi piacevano, e per quanto continuassi a lavarle loro non cambiavano forma. Condivido la Sa passione per gli arcobaleni, ma per quanto ne so non riuscirà mai a trovare i famosi soldi degli Gnomi attraverso le Sue scarpe arcobaleno, dica a Sua madre piuttosto di pagarLe un viaggio per l'Irlanda con tutti i soldi che spende in detersivi, e chiarirete una volta per tutte questa diatriba che altrimenti non Vi porterà da nessuna parte. In Irlanda, se sarà fortunato, troverà i soldi degli Gnomi che Le permetteranno di comprare tutte le scarpe del mondo con tutti i colori. Mi raccomando, in Irlanda non ci vada con le all star, altrimenti invece di trovare dei soldi troverà solo tante tendiniti, tra le verdi colline.


Direttore Generale,    
I Fumetti della Gleba


Gent.Dott. Pira,
Perchè non pubblicate mai fumetti che hanno come argomento il Basket? Il gioco del Basket mi piace tanto e mi piacerebbe leggere delle avventure riguardanti quest'attività sportiva.
Colgo l'occasione per farle i complimenti, i suoi fumetti mi fanno ridere tanto.

Saluti

Roberto


Caro Roberto,
Condivido con lei la passione per lo sport del Basket, come metafora dell'anelito umano di infilare sfere nei canestri. Avevamo pensato una rilettura intimista di Gigi la Trottola dove il protagonista soffriva interiormente per le continue vessazioni dovute alla sua scarsa statura, ma più soffriva più diventava piccolo, e in seguito si trova a scontrarsi anche con le barriere architettoniche. Dopo, sconfitto dal dolore, avrebbe trovato una nuova famiglia di persone minuscole che gli vogliono bene. Purtroppo questo fumetto credo che non lo farò mai perchè me lo sono giocato in queste poche righe che ho appena scritto. Con ciò, avrà appena imparato dal mio errore che è meglio fare le cose invece che dirle, e lo comprova il fatto che nessun campione di basket si è mai dedicato con profitto ai fumetti.


Direttore Generale,    
I Fumetti della Gleba

Vai alla pagina prima Se clicchi qui con il tuo mouse puoi leggere la posta antichissima che
scriveva la gente tanto tempo fa quando internet era ancora una cosa per gente spavalda.